Novità per la colonscopia: la videocapsula

Home » Prevenzione » Novità per la colonscopia: la videocapsula

colonscopia con videocapsula

In ambito medico la ricerca scientifica è in continuo fermento e spesso vengono sperimentate nuove tecniche diagnostiche, che hanno il fine di migliorare i risultati ottenibili ed essere il meno fastidiose possibile per il paziente. L’uso di una videocapsula per effettuare la colonscopia è uno di questi innovativi metodi; questa Pillcam viene ingerita dal paziente con dell’acqua, come se fosse una comune pillola.

Che cos’è la videocapsula Pillcam CC2

La Pillcam CC2 è una videocapsula di ultima generazione, infatti, non si tratta del primo esempio di micro videocamera da ingerire. Però, la conformazione di questo nuovo modello permette di avere una visione più completa dell’intero intestino, che consente di individuare tantissime malattie o disturbi dell’area. La CC2 presenta due telecamere con fonti luminose, che generano un angolo di visualizzazione nettamente maggiore rispetto ai modelli precedenti. Oltre a ciò, questa videocapsula si muove nell’intestino in maniera intelligente, ossia accelera o si ferma in prossimità di determinati elementi, individuando polipetti o altre anomalie presenti lungo il percorso.

Come funziona

Come anticipato, la videocapsula si ingerisce per via orale bevendo dell’acqua, perciò questa diagnosi risulta indolore e non invasiva. Nel momento in cui la Pillcam CC2 inizia il suo viaggio all’interno dell’apparato digerente, essa comincia a trasmettere le immagini di ciò che incontra durante il percorso. Si tratta, dunque, di una visualizzazione in tempo reale dell’intestino e del colon, caratterizzata da una buona qualità delle immagini. Alla fine della diagnosi, il paziente espellerà la capsula come fosse un qualsiasi residuo organico. Insieme alla cura del proprio intestino, cioè il rispetto di uno stile di vita sano e di una adeguata alimentazione, nonché il sottoporsi all’idrocolonterapia, la tecnica della videocapsula e le altre forme di colonscopia sono indispensabili per l’individuazione precoce di malattie del colon. Per esempio, nel caso del diffusissimo cancro al colon, la possibilità di individuarlo per tempo è l’arma migliore per sconfiggerlo. Ovviamente, questi metodi diagnostici servono a identificare anche disturbi meno gravi, ma largamente diffusi, come la colite e gli altri fastidi che colpiscono l’intestino. Visti i passi da gigante fatti dalla scienza medica, è sempre più facile prendersi cura del proprio colon, tenendolo sotto controllo in maniera efficace.

Comments

  1. Vincenzo on 15 giugno 2013 at 10:53 said:

    Salve, sono Vincenzo. Vi scrivo per sapere informazioni su questa nuova Tecnica di Colonscopia. La trovo Geniale, oltre che piu´ comoda per il Paziente. Mi chiedo se questa nuova Tecnica, sia Migliore e piu´Attendibile della classica Colonscopia. Sapere anche se gia ora e´possibile prenotarla, dove, se e´mutuabile, i costi ecc. Grazie

    Vincenzo

  2. maria palisi on 22 aprile 2014 at 18:35 said:

    vorrei sapere che fare per poter usare la usare la videocapsula e quanto costa in totale l’analisi e dove la si può richiedere

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stress

Lo sapevi che lo stress è una delle principali cause della sindrome del colon irritabile?

Intolleranze

Lo sapevi che, spesso, il meteorismo è dovuto alla presenza di intolleranze alimentari?

Sedentarietà

Lo sapevi che una vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali e, di conseguenza, stipsi?

Dimagrimento

Lo sapevi che l'idrocolonterapia, abbinata ad una dieta ricca di fibre, favorisce il dimagrimento?
Mens sana in colon sano
21