Le difese dell’intestino

Home » Salute » Le difese dell’intestino

le difese dell'intestino

Accanto a questi sistemi di difesa non immunitari, il nostro intestino ospita, integrandolo, il sistema di difesa immunitaria presente in altre aree del corpo, nella milza, in zone periferiche (come inguine e ascelle), nella cavità pleurica e peritoneale, sulla cute e nelle mucose, il nostro sistema immunitario prende il nome di GALT quando si trova nell’intestino. Il GALT è infatti il tessuto linfoide associato a questo organo. Altro tessuto linfoide importante è il MALI, ovvero il tessuto linfoide associato alle mucose le quali sono molto presenti anche a livello gastroenterico, oltre che in altri apparati come quello urogenitale, e quello respiratorio.

La caratteristica peculiare delle mucose in generale è di costituire delle barriere molto sottili e permeabili perché devono permettere gli scambi sia gassosi (pensiamo ai polmoni) sia di nutrienti (pensiamo all’intestino). Questa caratteristica ci fa capire quanto di frequente esse siano a contatto con molecole disparate. alcune necessarie e benefiche per l’organismo (e tra queste vi sono anche i batteri simbionti che costituiscono la nostra Bora intestinale) altre invece pericolose e portatrici di malattia come microrganismi patogeni o scatti di cibi che ristagnano. Proprio per questo motivo, il sistema immunitario in queste regioni dell’organismo è molto sviluppato. Nonostante ciò le cellule immunitarie devono modulare e calibrare la loro risposta per non danneggiare ciò che di utile per la salute dell’uomo si trova in quella zona, come la già citata flora batterica probiotica e i nutrienti contenuti nel cibo.

Per i neonati ad esempio l’alta permeabilità della mucosa è un vantaggio, poiché gli anticorpi presenti nel latte materno possono giungere direttamente nel circolo. Purtroppo questo vale anche in negativo e infatti alcuni allergeni (soprattutto latte vaccino e uova) se presenti nella dieta della mamma possono essere trasmessi con l’allattamento al figlio tanto che il piccolo potrebbe sviluppare vere e proprie reazioni allergiche. Nel bambino infatti l’intestino deve ancora formarsi e sviluppare tutte le funzioni.

Il GALT svolge il suo compito di controllo e protezione grazie alla presenza di plasmacellule, linfociti (tra i quali i Th che sono in grado di creare una memoria immunitaria permanente) e delle placche del Peyer (gruppi di cellule immunitarie in grado di elaborare una sostanza ritenuta estranea). Mentre nel resto dell’organismo prevalgono altri tipi di anticorpi, in particolare le IgE e le IgG, a livello della mucosa intestinale, sebbene siano presenti varie classi di immunoglobuline, le più numerose sono le IgA. Questi anticorpi secernono una sostanza che permette loro di trasferire a una zona dell’intestino in modo da proteggerla, si tratta di un rivestimento che isola da batteri e virus e allo stesso tempo agisce concorrendo all’attivazione degli enzimi intestinali che distruggono le molecole potenzialmente pericolose e veicolate dalle stesse IgA. Se le IgA intestinali sono carenti si verifica un eccessivo sviluppo di flora batterica anaerobica con conseguente alterazione della capacità di assorbimento della mucosa stessa (inibizione nell’assorbimento di acqua, di monosaccaridi e minerali come potassio, azoto e calcio). Una variazione delle IgA  è del resto correlata alla presenza di allergie alimentari ritardate o intolleranze.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stress

Lo sapevi che lo stress è una delle principali cause della sindrome del colon irritabile?

Intolleranze

Lo sapevi che, spesso, il meteorismo è dovuto alla presenza di intolleranze alimentari?

Sedentarietà

Lo sapevi che una vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali e, di conseguenza, stipsi?

Dimagrimento

Lo sapevi che l'idrocolonterapia, abbinata ad una dieta ricca di fibre, favorisce il dimagrimento?
Mens sana in colon sano
21