la dieta e il colon

Home » Alimentazione e benessere » la dieta e il colon

la dieta per il colon

La dietetica è una branca delle scienze mediche che studia il regime alimentare, o dieta, in biologia e in terapia. La dietetica stabilisce pertanto con criteri scientifici quale deve essere l’alimentazione quantitativa e qualitativa dell’individuo sia sano che malato. La dietetica, quindi, svolge un ruolo fondamentale anche per la salute del colom.

L’importanza di una dieta giusta per la salute del colon

Punto di partenza per la conoscenza delle proprietà biochimiche dei diversi alimenti. Si è posta una distinzione degli alimenti in semplici e composti. Alimenti semplici sono le sostanze chimiche e precisamente acqua, sali, protidi, lipidi e glicidi, vitamine. Alimenti composti sono i cibi giornalmente consumati, contenenti in diverse proporzioni i vari alimenti semplici. Gli alimenti composti ci sono forniti dai regni vegetale ed animale: i vegetali sodo rappresentati da cereali, legumi, tuberi, verdure, radici, funghi, ortaggi e frutta: quelli animali sono la carne, il pesce, il latte coi suoi derivati, le uova. In rapporto all’utilizzazione da parte dell’organismo gli alimenti si distinguono in:

a) a potere esclusivamente calorigeno, che sono prontamente bruciati dal nostro organismo con produzione di calore (a tale gruppo si riporta l’alcool);

b) a potere calorigeno ed energetico, alimenti in parte utilizzati immediatamente dall’organismo per la produzione di calore ed in parte immagazzinati come materiale di riserva da utilizzare in seguito per l’estrinsecazione di energia (rientrano in tale gruppo i gli-cicli e i lipidi);

c) alimenti plastici, utilizzati dall’organismo per la sintesi dei materiali costitutivi del corpo (sono dati dai protidi);

d) catalizzatori, alimenti che pur non avendo alcun valore energetico sono necessari in quanto attivano le reazioni biologiche (trattasi dei sali e delle vitamine).

Come stabilire la dieta di ogni individuo

Per poter fissare la dieta di un individuo è necessario conoscerne il fabbisogno giornaliero in materiali plastici ed energetici. Conosciuto tale valore e la composizione analitica dei singoli alimenti con il loro potere calorifico, si può fissare con precisione la quantità e la qualità degli alimenti da somministrare nelle 24 ore per mantenere in equilibrio il ricambio dell’organismo. Si fissa cosi la razione alimentare. Nella scelta degli alimenti che compongono una dieta si deve aver cura che essi presentino le seguenti proprietà: genuinità, digeribilità, capacità di spegnere il senso della fame, costo non eccessivo. Fattore di grande importanza nel prescrivere una dieta è l’età del soggetto. Nell’età infantile l’organismo in fase di accrescimento ha bisogno di una dieta ricca di proteine (materiale plastico) e di vitamine (biocatalizzatori). Nel vecchio invece il metabolismo è ridotto e, per disturbi del ricambio, si ha tendenza all’acidosi. Sarà quindi opportuno prescrivere una dieta alcalinizzante, scarsa di proteine e, in particolare, povera di cibi contenenti colesterina. Nel prescrivere una dieta bisognerà inoltre tenere presente qual è lo stato fisiologico dell’organismo: nella gravidanza la dieta andrà integrata quantitativamente con un maggior apporto energetico, qualitativamente con un aumento degli alimenti plastici e delle vitamine. Altro fattore da ricordare è la professione del soggetto; per chi esercita attività sedentaria bisogna scegliere alimenti di facile digestione. Delicata poi la scelta della dieta per gli atleti, ai quali è necessario assicurare un apporto energetico di necessità alto ed evitare nello stesso tempo una digestione lunga e difficile che potrebbe compromettere il loro rendimento. L’applicazione della D. ha importanza sociale in quanto è volta a fissare le norme necessarie per assicurare alla collettività l’alimentazione più idonea, con-dizione capace di migliorare e prolungare la vita del singoli individui. La dieteticoterapia dà poi la possibilità di curare il malato sottoponendolo ad una particolare alimentazione. Infatti, ogni cambiamento di dieta incide su tutto il ricambio dell’organismo, cosicché con determinate combinazioni di alimenti si possono provocare specifici effetti sull’organismo, quali dimagrimento, diminuzione dei cloruri, ecc.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stress

Lo sapevi che lo stress è una delle principali cause della sindrome del colon irritabile?

Intolleranze

Lo sapevi che, spesso, il meteorismo è dovuto alla presenza di intolleranze alimentari?

Sedentarietà

Lo sapevi che una vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali e, di conseguenza, stipsi?

Dimagrimento

Lo sapevi che l'idrocolonterapia, abbinata ad una dieta ricca di fibre, favorisce il dimagrimento?
Mens sana in colon sano
21