Intestino sano: come mantenere corrette abitudini di vita

Home » Prevenzione » Intestino sano: come mantenere corrette abitudini di vita

intestino sano

Se il nostro stile di vita fosse corretto, non ci sarebbe bisogno di preoccuparci dell’intestino. Tuttavia, molti di noi non vi­vono in maniera sana. Non ci nutriamo correttamente, non facciamo esercizio fisico, non respiriamo aria fresca e non prendiamo bagni di sole. Ci sono moltissime cose che non facciamo nel modo giusto e non possiamo pretendere che l’intestino funzioni bene. Quali sono le statistiche odierne sulle malattie e cosa stanno facendo i medici a riguardo?

In pratica la loro attenzione è diretta a curare i problemi fisici e i disturbi che derivano da cattive abitudini. Troppo spesso queste ultime vengono accelerate dalla società moderna. Quando si parla di società moderna ci si riferisce principalmente al pro­gresso; a noi tutti piace considerarci un popolo che progredi­sce. Ma è ovvio che molte delle cose che abbiamo migliorato non sono adatte alla nostra salute e questo è qualcosa che dobbiamo correggere. I medici non insegnano alla gente a ge­stire meglio la loro vita: è invece ciò che dovrebbero iniziare a fare dedicando metà del loro tempo a consigliare ai pazien­ti il modo migliore per mantenerla integra.

Cosa fanno nei nostri distretti sanitari? Vigilano sulle malat­tie. In realta sono i “distretti della malattia”. Quando arriva una epidemia tentano di curarla e noi paghiamo le organizzazioni e le istituzioni. Ma esse cercano di scoprire come prevenirle? Sappiamo che ad una organizzazione

è stata versata una cospicua sovvenzione per studiare dieta e nutrizione e i loro effetti sul cancro. E ora scoprono come l’alcool ne favorisca l’insorgenza.

E’ sicuramente ragionevole chiederci perchè non facciano ricerche per la prevenzione del cancro.

Naturalmente si sa che l’alcool ha un effetto deleterio. Que­sta è una conclusione scontata.

Ma nessuno ci dice ancora come prevenire questa malattia, co­me salvaguardarci e cosa fare per ottenerne la remissione.

Dobbiamo apprendere il metodo per diventare sani e per re­starci. Dobbiamo accostarci ad ogni tipo di persona e al suo livello di comprensione.

Taluni pagherebbero qualsiasi cifra per guarire quando sono malati, ma la salute non si compra, dovete guadagnarvela. Dovrete lavorare per ottenerla.

Molto spesso, durante la maggior parte delle cure tradizionali, il paziente viene lasciato disinformato e senza possibilità di giudizio. Se non elevate le vostre attitudini mentali e la vostra coscienza, non prenderete la strada migliore per la vostra salute. Troppe persone con uno stile di vita a base di caffè e ciambelle vanno dal medico, ricevono una cura, ma poi riprendono le vecchie abitudini della caffeina e dello zucchero. Costoro ritorneranno dal medico, potete contarci! Non dovrebbe essere permesso a nessuno di lasciare l’ospe­dale senza prima aver ricevuto istruzioni dettagliate su come svolgere la propria giornata, come gestire la propria cucina a casa, come nutrire la famiglia, oppure come prevenire i fre­quenti disturbi che l’hanno costretto al ricovero. Altrimenti presto ritornerà in ospedale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stress

Lo sapevi che lo stress è una delle principali cause della sindrome del colon irritabile?

Intolleranze

Lo sapevi che, spesso, il meteorismo è dovuto alla presenza di intolleranze alimentari?

Sedentarietà

Lo sapevi che una vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali e, di conseguenza, stipsi?

Dimagrimento

Lo sapevi che l'idrocolonterapia, abbinata ad una dieta ricca di fibre, favorisce il dimagrimento?
Mens sana in colon sano
21