Il meccanismo della digestione

Home » Salute » Il meccanismo della digestione

il meccanismo della digestione

Per spiegare la digestione prendiamo come esempio il destino di un’auto quando viene portata dal demolitore. L’auto è composta da parti in metallo (proteine), vetri (amidi e zuccheri), plastica, pelle, gomma (grassi), fili di cablaggio contenenti rame, stagno, zinco e altri metalli in minor quantità.

La prima azione è quella di separare le parti più grossolane di metallo e vetro: portiere, cofano, baule e tutti i vetri che, come gli zuccheri, sono facilmente riciclabili; i passaggi successivi sono quel­li di togliere i sedili, sfilare tutti i cavi separare la plastica e la gomma e recuperare il rimanente metallo. Per fare ciò, il nostro inte­stino dispone di operai specializzati (enzimi) forniti di attrezzi ade­guati, come cacciaviti di tutti i tipi o seghe circolari (flessibile), chia­vi inglesi e brugole. E chiaro che se tutti questi operai volonterosi si buttassero sull’auto contemporaneamente succederebbe un disastro, per cui esiste una sequenza operativa codificata che obbliga gli ope­rai a rispettare i turni di lavoro. Chi decide questi turni? E’ il sistema nervoso insieme a quello ormonale che armonizzano e sovrintendono. La fabbrica è presidiata da guardie private (probiotici) che sono incari­cate di far lavorare gli operai facilitandone l’opera fornendo supporti, come i carrelli o la fiamma ossidrica, impedendo che vengano distratti o disturbati da intrusi o, peggio ancora, da ladri. Una volta-recuperato tutto il possibile dalla demolizione, ciò che avanza viene portato in discarica, che non è altro che il nostro intestino grasso, dove verrà compattato il più possibile per occupare il minor spazio. L’uscita dai can­celli equivale al passaggio dalla valvola ileo-cecale, che è posizionata nei pressi dell’appendice. Durante tutti questi processi le guardie giu­rate, se non riescono a gestire gli intrusi perche troppo numerosi, chia­mano in soccorso le forze dell’ordine: carabinieri o poliziotti (macrofa­gi). Questi ultimi si comporteranno in funzione sia di quello che vedranno ma anche in base a ciò che verrà segnalato dai probioti­ci. Ma ora vediamo nel dettaglio come si svolge la digestion.

 

Come si svolge la digestione?

E’ noto che la prima digestione avviene in bocca per mezzo della mastica­zione. Visto che Madre Natura ci ha fornito di ben due dentature dovremmo imparare a usarle; non è importante la frantumazione del cibo quanto il mescolamento del medesimo con due enzimi digestivi contenuti nella saliva: la ptialina, “operaio” che smonta gli zuccheri (sac­carolitico), e il lisozima, il “collega” che smonta le proteine (proteolitico). La masticazione, insieme all’olfatto e al gusto, coordina inoltre l’attiva­zione dei riflessi gastrici mediante il nervo vago che da inizio alle con­trazioni esofagee e all’attivazione della secrezione gastrica. In pratica masticando avvisiamo lo stomaco che sta arrivando del lavoro per lui. Masticare la gomma americana prima di mangiare può risultare fun­zionale nelle persone con una secrezione gasfrica ridotta (ipoacidità) o nei soggetti costretti a cibarsi velocemente, anche se il rispetto dei cicli digestivi è sempre consigliabile, tuttavia masticare in continuazione invia allo stomaco segnali errati che si ripercuotono su tutto il sistema digestivo. Una volta giunto il boccone ben masticato nello stomaco ini­zia la digestione vera e propria; prima la fase gastrica, poi quella del digiuno e dell’ileo.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stress

Lo sapevi che lo stress è una delle principali cause della sindrome del colon irritabile?

Intolleranze

Lo sapevi che, spesso, il meteorismo è dovuto alla presenza di intolleranze alimentari?

Sedentarietà

Lo sapevi che una vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali e, di conseguenza, stipsi?

Dimagrimento

Lo sapevi che l'idrocolonterapia, abbinata ad una dieta ricca di fibre, favorisce il dimagrimento?
Mens sana in colon sano
21