Colostomia: caratteristiche e cose da sapere

Home » Salute » Colostomia: caratteristiche e cose da sapere

che cos'è la colostomia?

Cose da sapere sulla colostomia

Ricordate che un chirurgo è allenato a tagliare e ad amputare. Il lavaggio del colon o la sua prescrizione non rientra nell’ambito delle sue attività. Non c’e da stupirsi che quasi tutti i pazienti a cui è stata pra­ticata una colostomia non abbiano saputo cosa c’era in serbo per loro finchè non si sono risvegliati dall’o­perazione. Solo allora, con grande dispiacere, hanno appreso che cos’e una colostomia.

Avete una minima idea di cosa comporti un intervento di questa genere? I seguenti punti sono tratti dalle istruzioni contenute nel manuale di colostomia:

  • D’ora in poi dovrete convivere con dei dispositi­vi (per il resto della vostra vita).
  • Lo sgomento per la necessità di portare questa sacca per il resto della vita è qualcosa che ogni “colostomizzato” deve superare. (Se pensassimo che lo sgomento non sia una reazione normale ci staremmo prendendo in giro).
  • Lo scarico delle feci avviene giorno e notte (senza che possiate controllarlo), dato che l’unico posto in cui può finire è “la sacca”.
  • Non c’e alcun coinvolgimento di muscoli volon­tari, ragion per cui non potete controllare il flusso.
  • Domanda: “Come posso cavarmela senza questo controllo?”. Risposta: “Migliaia di persone lo fanno!”.
  • La guarigione del foro nel fianco praticato dal chirurgo procede per parecchie settimane dopo l’operazione.
  • “Sacche usa e getta” significa che ne dovete usare una nuova ogni giorno… ma alcuni riescono a utilizzare la stessa per un giorno e mezzo e perfino più a lungo prima di sostituirla.
  • Chiunque sia capace di cucire può modificare il guardaroba di un uomo o di una donna per nascondere la presenza della sacca.
  • Sarebbe opportuno rinunciare a certi cibi per prevenire le occlusioni, evitare perdite liquide o perdite sconvenienti di materia fecale, evitare un ec­cesso di odori o di gas.
  • Senza il colon, sono probabili la disidratazione e un’eccessiva perdita di sodio. In caso di diarrea rivolgetevi al medico.
  • Sarete afflitti dalla sete. I liquidi sono lo stru­mento della natura per compensare la perdita del colon.
  • Gli odori e i gas rappresentano una duplice preoccupazione. La presenza occasionale di odori è “normale”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stress

Lo sapevi che lo stress è una delle principali cause della sindrome del colon irritabile?

Intolleranze

Lo sapevi che, spesso, il meteorismo è dovuto alla presenza di intolleranze alimentari?

Sedentarietà

Lo sapevi che una vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali e, di conseguenza, stipsi?

Dimagrimento

Lo sapevi che l'idrocolonterapia, abbinata ad una dieta ricca di fibre, favorisce il dimagrimento?
Mens sana in colon sano
21