Colon infiammato e colon sano: come cambia l’alimentazione?

Home » Alimentazione e benessere » Colon infiammato e colon sano: come cambia l’alimentazione?

colon infiammato e fibre solubili

L’alimentazione più corretta

Fibre, frutta e verdura sono i tre alimenti base per un corretto regime dietetico; nello specifico, queste componenti non dovrebbero mai mancare in un’alimentazione che preservi la salute dell’intestino. Tuttavia, non tutte le fibre sono uguali e le stesse verdure possono provocare fastidi, così come la frutta se consumata a fine pasto. Soffermandosi in particolare sulle fibre, queste possono essere solubili o insolubili; ai fini di una corretta alimentazione, le prime sono quelle da consumare maggiormente. Le fibre solubili, una volta giunte nel colon, si trasformano in un gel che intrappola l’acqua e ammorbidisce le feci, favorendo l’evacuazione. Anche in caso di diarrea, queste fibre sono indicate perché intrappolano l’acqua in eccesso, dando la giusta consistenza ai prodotti intestinali. Esse si trovano in diversi alimenti di origine vegetale, i quali possono essere consumati con una certa tranquillità, ma senza esagerare. Questi sono il riso, la pasta integrale, l’orzo, la farina d’avena e quella di mais, la soia, i cereali in generale, il pane di grano integrale o di frumento, le carote, le patate normali e quelle dolci, le zucche e le zucchine, le barbabietole, le rape, l’avocado, le castagne, le banane, la papaia, il mango e le mele sottoforma di salsa. Come si può vedere, si tratta di prodotti cerealicoli, verdure, legumi e frutta, tutti alimenti che non devono mai mancare in una dieta bilanciata.

Colon infiammato: gli alimenti sconsigliati

Come accennato, esistono anche le fibre insolubili, il cui consumo deve essere moderato. In caso di colon infiammato, consumare certi alimenti è altamente sconsigliato, almeno finché non si normalizza la situazione. Tuttavia, in normali condizioni di salute, è importante mangiare anche questi cibi, perché ricchi di tante altre proprietà benefiche. Questi alimenti ricchi di fibre insolubili sono, innanzitutto, i cereali integrali e la crusca, poi, molti legumi come fagioli e lenticchie, i germogli, i semi, i muesli, i popcorn, le verdure a foglia, i piselli, i peperoni, i fagiolini, le melanzane, i broccoli, le cipolle, l’aglio, il porro, lo scalogno, i pomodori, i cavolfiori, le erbe aromatiche e i cetrioli. Ma oltre a cereali integrali e verdure, in caso di infiammazione del colon, sono controindicate anche molte varietà di frutta, come il melone, le prugne, i datteri, il limone, il pompelmo, le arance, le mele, le ciliegie, l’ananas, l’uva e l’uvetta, i frutti di bosco, le noci, le pere, le albicocche e le pesche. Alcuni di questi alimenti sono sconsigliati non solo per la presenza di fibre insolubili, ma anche per lo zolfo, che peggiora i sintomi dell’infiammazione al colon, provocando gas e gonfiore addominale; tra questi cibi si trovano le cipolle, i cavoli, l’aglio, il porro e gli asparagi. Se con questi alimenti occorre fare attenzione, esistono degli ingredienti da abolire totalmente in caso di colon infiammato, come l’alcol, la caffeina, le spezie e i grassi animali; in ogni caso, è sempre consigliato ridurre la presenza di queste componenti nella propria alimentazione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stress

Lo sapevi che lo stress è una delle principali cause della sindrome del colon irritabile?

Intolleranze

Lo sapevi che, spesso, il meteorismo è dovuto alla presenza di intolleranze alimentari?

Sedentarietà

Lo sapevi che una vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali e, di conseguenza, stipsi?

Dimagrimento

Lo sapevi che l'idrocolonterapia, abbinata ad una dieta ricca di fibre, favorisce il dimagrimento?
Mens sana in colon sano