Batteri e vitamine

Home » Prevenzione » Batteri e vitamine

batteri

Quasi tutte le vitamine introdotte con l’alimentazione sono strutturate in maniera tale per cui l’assorbimento viene precluso se non avvengono determinate operazioni. Queste reazioni sono svolte da enzimi pancrea­tici, con sali biliari per le vitamine liposolubili (A, D, E, K), dagli enzimi delle cellule dell’orletto a spazzola, e dal lavoro attivo della flora batte­rica. Esistono però alcune vitamine fondamentali che sono prodotte dalla nostra flora batterica in quantità prevalente o di integrazione come nel caso di un mancato apporto derivante da più cause. La motivazione risiede nel fatto che queste vitamine sono essenziali alla vita presieden­do reazioni come la coagulazione o la produzione energetica. La vita­mina K è l’unica liposolubile che viene prodotta dai batteri, in partico­lar modo dall’Escherichia coli, mentre la vitamina B2 (riboflavina) è solo in parte prodotta dai batteri.

La vitamina B3 (acido nicotinico o niacina o vitamina PP) al contrario è frutto dell’azione diretta dei batteri sulla fonte primaria che è costituita dal NAD (nicotinamide adenin dinucleotide) e NADP (nicotinammide adenin dinucleotide fosfato) di origine solo animale (in quella di origine vegetale non è idrolizzabile il legame estere dall’organismo) mentre la vitamina B8 (biotina) è sintetizzata dalla flora batterica intestinale soprattutto quando non è sufficiente l’attività dell’enzima Biotinidasi. Sia la vitami­na B3 che la vitamina B8 entrano a far parte dei metabolismi energetici: la prima partecipando a tutte le reazioni di ossidoriduzione dell’organi­smo, mentre la vitamina B8 è il coenzima delle carbossilasi che favori­scono l’incorporazione di CO2 nei diversi substrati.

Queste caratteristiche fanno sì che carenze di tali vitamine possano por­tare a squilibri gravi, non facilmente rilevabili perché trasversali a numerosi organi e apparati. Essendo fondamentali nella catena respira­toria ed essendo il ciclo di Krebs, dove vengono inglobate, la fonte ener­getica primaria, il ruolo di supporto svolto dai batteri nella fase di pro­duzione e rifornimento delle medesime diventa fondamentale.

Se abbiamo una caldaia e il gas, ma non i tubi di raccordo e la canna fumaria l’impianto di riscaldamento nòn può funzionare; i giunti, i bul­loni e i manometri non entrano direttamente nella reazione di combu­stione, e senza di loro niente può funzionare.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Stress

Lo sapevi che lo stress è una delle principali cause della sindrome del colon irritabile?

Intolleranze

Lo sapevi che, spesso, il meteorismo è dovuto alla presenza di intolleranze alimentari?

Sedentarietà

Lo sapevi che una vita sedentaria induce atonia delle pareti intestinali e, di conseguenza, stipsi?

Dimagrimento

Lo sapevi che l'idrocolonterapia, abbinata ad una dieta ricca di fibre, favorisce il dimagrimento?
Mens sana in colon sano
21